giovedì 16 giugno 2011

“Viaggi di miele. Mete romantiche e alternative per amanti, fidanzati, sposi.” Un pratico manuale per la prima fuga romantica, edito da Polaris

Alessia Sità
ROMA
- Il viaggio di nozze, comunemente definito anche come Luna di Miele, ha origini antichissime. Infatti, era tradizione che, dopo il rito nuziale, le coppie appena sposate bevessero uno sciroppo chiamato idromele, considerato da molti un rimedio per favorire la fertilità.
Oggi, la Luna di miele è la fase tanto attesa da tutte le coppie che hanno deciso di coronare il proprio amore con la gioia del matrimonio. Questo ‘dolce’ epilogo merita di essere celebrato nel miglior modo possibile, affinché resti un ricordo indelebile per i coniugi. Scegliere la destinazione giusta per la propria honeymoon è fondamentale per gli sposi che, dopo la fatica di giornate pregne di impegni e preparativi prematrimoniali, necessitano di relax e riposo. Dove andare dunque in viaggio di nozze? Le mete sono tantissime e tutti sognano di fare qualcosa di originale e unico. Se avete in programma di sposarvi e state pensando alla vostra vacanza ideale, leggete “Viaggi di miele. Mete romantiche e alternative per amanti, fidanzati, sposi” di Burattino Rossella, edito da Polaris nella collana Viaggi da manuale.
Una guida pratica da portare sempre con sé per imparare e scoprire nuove realtà. Tanti consigli utili per organizzare la vostra prima fuga romantica in modo facile e senza troppo stress.
Prima fuga romantica insieme, viaggio di nozze o anniversario di matrimonio. La scelta delle destinazioni per una luna di miele è immensa: questo manuale ci conduce a mete classiche, proposte da un punto di vista originale e alternativo, ma anche in luoghi insoliti e magici. Una guida pratica, completa di informazioni utili e prezzi, per innamorati di ogni tipo: per chi apprezza l'avventura e lo spirito selvaggio, per quelli che cercano privacy e relax in strutture lussuose o di design, o per coppie che amano spostarsi alla scoperta dell’arte e della spiritualità.
Manuale sì, pratico e tecnico da portare in borsa durante il viaggio, ma anche un racconto, una narrazione diretta e avvincente per il gusto di leggere e sognare. Un libro che descrive i percorsi in modo colloquiale, intimo, così diverso dalle consuete guide turistiche, con consigli diretti, divertenti e calorosi.
La prima parte di questo mappamondo romantico è dedicata ai viaggi nei luoghi tradizionali e a quelli da scoprire anche se un po’ scomodi, oltre a una preziosa raccolta di piccole fughe last minute in Italia per gli amanti, i fidanzati e gli sposi che vivono con il calendario in mano in attesa del week end libero.
Nella seconda parte, il viaggio romantico diventa protagonista assoluto. Si parte per Marrakech, in Marocco, la città dell’amore folle, e poi per il deserto del Sahara: misterioso e silenzioso. Si raggiungono i paesini abbarbicati sulla Costiera sorrentina e amalfitana visitati in vespa e in gozzo, la creatività architettonica della sorprendente capitale dell’Argentina, Buenos Aires.
Nemmeno il tempo di tirare il fiato ed eccoci proiettati per magia in un tour tra gli stupefacenti scenari del Sudafrica, prima di essere improvvisamente catapultati in un viaggio vertiginoso a bordo del Glacier Express, il trenino rosso svizzero. Si passa alla dolcezza dei paesaggi del Québec canadese, si trascorre un’esperienza benessere sull’isola di Kho Lanta, in una Thailandia "diversa". E ancora, tra storia ed enogastronomia, si passeggia tra le stradine e i castelli di Saint-Émilion, in Francia e poi via in auto tra le isole divertenti e sportive dell’arcipelago americano delle Hawaii: Maui e Kauai.

14 commenti:

  1. Meno male che per fare codesti viaggi non occorre sposarsi! Uff...
    Giulio

    RispondiElimina
  2. :-) per fortuna... Alessia

    RispondiElimina
  3. Viaggia pure, comunque se non ti sposi non fai il viaggio di nozze!! :P

    RispondiElimina
  4. accademico crusco16 giugno 2011 12:34

    però per scrivere "codesti" nel 2011 ci vuole fegato!

    RispondiElimina
  5. Mah, accademico, se hai occasione di farti un bel viaggio al miele in terra d'Etruria capirai che non serve poi così tanto, di fegato!
    Con buona pace di chi non lo usa più.
    Giulio.

    RispondiElimina
  6. Io credo che ci sia sempre qualcosa da imparare. Anche quello che diamo per scontato, talvolta non lo è...magari questo simpatica guida può sempre essere un fonte di ispirazione, per innamorati e non...oltre al cuore, mettiamoci anche il fegato e tutto ciò che di vitale c'è... :)
    Alessia

    RispondiElimina
  7. accademico crusco16 giugno 2011 14:13

    Ciao Giulio io il fegato lo mangio con i crostini e non con il miele!

    Cmq a ragione Alessia, hoggi kome hoggi è molto inportante viaggare ma ancke esprimersi con un itagliano correggiuto e happropriato

    RispondiElimina
  8. cmq si vede che viaggiate poco, siete troppo attacati ai vostri libri! fateviregalare un ebook reader (che tanto è come un libro) ed esplorate il mondo!

    RispondiElimina
  9. giulia crostino16 giugno 2011 15:31

    Oggi come oggi, certo!

    RispondiElimina
  10. Cosa c'entra l'ebook reader coi viaggi?

    RispondiElimina
  11. siete troppo simpatici!!!!

    RispondiElimina
  12. Giulia Siena ringrazia tutti gli anonimi!! :)

    RispondiElimina
  13. accademico crusco16 giugno 2011 16:38

    con l'ebook reader potete viaggiare più leggeri e liberarvi finalmente dalla cartaccia dei libri!

    RispondiElimina
  14. COme può un ACCEDEMICO CRUSCO rifiutare i libri? Comunque a ognuno la propria passione!

    RispondiElimina